Il mercato dei certificati langue, tutti alla finestra a vedere se c’è qualche buon certificato, ma i volumi sono bassi ed il timore di uno storno è giustificabile.

La mia risposta a questo clima di incertezza mista ad euforia dovuta a questo rialzo senza fine, è stato approfondire le ricerche per trovare strutture che mi garantissero una certa tranquillità anche in caso di ribasso del mercato.

Da qui la scelta è prima ricaduta sul fantastico prodotto XS2394967173 che in pochi hanno capito, soprattutto certi personaggi che si autodefiniscono supertecnici ed hanno avuto pure il coraggio di criticarlo.

Proprio per questo ho scritto questo post su Facebook:

“Faccio notare come il certificato XS2394967173 ieri abbia superato i 1120 punti : quando è stato comprato a 1050 Porsche valeva 45.49 ed ora vale 47  (molto più vicino a barriera per cui penalizzante per come è stata pensata la struttura), a dimostrazione che il tempo sta lavorando molto bene sul certificato (il rimborso teorico con questi prezzi è addirittura aumentato a 1385); chi non conosce la matematica e ha affermato che non lo trovava interessante perché Porsche sarebbe salita ed il certificato avrebbe rimborsato 1000 è stato smentito: Porsche è salita (ma sono saliti anche gli altri due titoli) ed il certificato è salito nello stupore generale di chi non conosce la matematica; io non mi permetto di dire che il certificato rimborserà 1000 o 1300 perché NON HO LA SFERA DI CRISTALLO ma posso dire con ragionevole certezza che non andrà sotto 1000 (salvo Porsche non voli a 54-55€ oppure tutti e tre i titoli scendano del 30%, ma prima di farlo potrò sempre vendere a ben più di 1000); oggi posso dire che ci sono ancora 2 mesi e mezzo e ai prezzi attuali ci sono 280 punti di potenziale salita: sono 100 punti al mese solo col trascorrere del tempo, uno 0,5% al giorno, non abbiamo titoli cinesi o titoli con 100% di volatilità, per cui quando dispenso certe perle certa gente che gode ad attaccarmi in ogni modo per la vicenda Smart Etn o per aver comprato un reverse dovrebbe solo tacere. Io ci metto la faccia da 25 anni pubblicando quello che faccio sui mercati, non ho mai detto di essere perfetto e/o di essere infallibile, ma di sicuro la passione, l’esperienza e la disponibilità a condividere certe conoscenze mi hanno permesso di aver formato centinaia di persone che ora sanno stare sui mercati in maniera profittevole. Per cui continuerò a dare certe perle anche se tra i beneficiari dei miei servizi ci sono queste persone irriconoscenti, visto quanto a loro ho insegnato in passato”

La mia seconda scelta è ricaduta sulle strutture Twin Win con due anni di vita residua motivandola con esempi tali da fugare ogni dubbio dal punto di vista matematico.

Vai a rileggere l’articolo in cui ne spiego i tecnicismi:

LEGGI L'ARTICOLO

Nel frattempo sul mercato sono usciti altri due Twin Win emessi da Emittenti bancari:

Codice Isin: CH1316654628 Emittente EFG con scadenza marzo 2026

Codice Isin; XS2717015270 Emittente BARCLAYS con scadenza marzo 2026

In questo secondo caso vediamo come la struttura abbia tenuto il prezzo di 100 con Airfrance che ha perso quasi il 16% da strike, cosa che non sarebbe potuta succedere con un normale phoenix, anche se tra i migliori (per rendimento, barriera e scadenza vicina) come questo: DE000HC46DE5 che non ha potuto non sentire il -22% di Telecom di ieri, anche se ha barriera di Telecom posta a 0.1482 (per cui Telecom deve perdere ancora un 30%).

Oggi occorre stare molto attenti a questi possibili ribassi improvvisi, a dimostrazione che, quando il mercato è tirato, la singola notizia negativa potrebbe scatenare vendite copiose come ieri su Telecom o come una settimana fa su Airfrance.

Siamo così sicuri che questo non possa avvenire su titoli gettonati come i bancari?

O su qualche utility che, per ridurre i debiti, approfitta di questa fase rialzista per chiedere soldi al mercato?

Io non ho la sfera di cristallo per cui posso solo cerare nelle strutture presenti sul mercato quelle più idonee a reggere queste situazioni che per ora si stanno verificando solo su certi singoli titoli, ma non è detto che possa succedere su tutto il mercato, magari proprio in coincidenza delle scadenze tecniche di venerdì prossimo.

Solo in certe occasioni (vedasi aumento di capitale Saipem) ho delle “quasi” certezze, ma queste non sono frutto delle onde di Elliott o dell’analisi di Gann o di qualche software magico che usa l’intelligenza artificiale, ma sono frutto di analisi ben spiegate che possono più o meno essere condivise.

La certezza del rendimento si può avere solo quando si effettua un arbitraggio ed ho ampiamente spiegato nel mio libro dove si possono scovare queste operazioni.

Vi aspetto, dopo le scadenze tecniche al mio prossimo webinar GB Certificates: clicca qui e attiva la campanella per il promemoria.

WEBINAR 19 MARZO ORE 14:00

Ora ci attendono due settimane in cui sarò concentrato sull’aumento di capitale Juventus e penso che potrà esserci qualche occasione interessante così come nel 2021 quando ci è stato permesso un arbitraggio di quasi l’8% senza alcun rischio: ovviamente non posso prometterlo perché non sono un cialtrone, potrò solo dirlo a posteriori se mai lo avrò realizzato, così come potranno dirlo i miei abbonati che potranno partecipare ai 3 webinar che ho preparato per loro:

 

Rinnovo a chi non lo avesse già fatto di iscriversi al nuovo canale Telegram “Agorà dell’investitoredove troverete spunti di riflessione, idee di trading e investimenti basate sull’esperienza ultra ventennale di molti dei migliori trader italiani.

Proprio in settimana abbiamo superato i 3000 iscritti, grazie !!

CLICCA QUI PER ENTRARE

Giovanni