La società in sintesi

STMicroelectronics N.V. è tra i leader mondiali del mercato dei semiconduttori, settore che ha visto letteralmente esplodere la domanda globale negli ultimi 12 mesi.

Il portafoglio prodotti è destinato a un’ampia gamma di applicazioni quali prodotti automotive, sistemi di telecomunicazione, computer, prodotti di consumo, sistemi di automazione industriale e sistemi di controllo.

Il gruppo dispone di numerosi centri di ricerca e sviluppo con circa 8.100 ricercatori e circa 18.500 brevetti.

La produzione viene effettuata in 11 stabilimenti, ed in particolare ST si avvale di una rete mondiale di impianti di front-end (per la lavorazione delle fette di silicio) e di back-end (per l’assemblaggio, il collaudo e il packaging).

I maggiori impianti di front-end si trovano in Italia (Agrate Brianza in provincia di Milano e Catania), in Francia (Crolles, Rousset e Tours) e a Singapore; ad essi si affiancano linee di assemblaggio e collaudo in Cina, Malesia, Malta, Marocco, Filippine e Singapore.

La società ha creato una rete di alleanze strategiche con i principali clienti, fornitori, competitor, università e istituti di ricerca.

 

Principali azionisti:

Totale azioni sul mercato: 911.404.420

Capitalizzazione al 27/12/2021 39,84 mld

Patrimonio netto al 30/06/2021 8,71 miliardi

Ricavi nel terzo trimestre 2021 per 3,2 miliardi di dollari (+19,9% annuo)

Utile netto nel terzo trimestre 474 milioni di dollari (+95,6%)

Rapporto prezzo/utili P/E   21,6

Dividendo per azione 0,24€

Analisi tecnica

Il titolo Stm è stato uno dei migliori del nostro listino con una performance positiva del 43,24% negli ultimi 12 mesi.

Il grafico mostra un trend rialzista molto solido con correzioni contenute che si sono appoggiate sulle precedenti resistenze diventate supporti.

La domanda di chip continuerà per il 2022 e questo potrebbe aiutare le quotazioni ad avvicinare il massimo storico di 46,33 € raggiunto il 22 novembre scorso.

Tra 44,96 e 45,71 c’è un Gap aperto che rappresenta una forte area di resistenza, la rottura della quale proietterebbe il titolo sui massimi assoluti.

Supporto in area 41,90, solo una rottura confermata dell’area dei 40€ modificherebbe l’attuale quadro positivo.

Ultime news

Stm come i suoi competitor ha beneficiato nel 2021 dell’esplosione mondiale della domanda di chip, che si scontra con l’attuale carenza degli stessi, di fatto si è creato un enorme squilibrio tra domanda e offerta, tutt’ora molto lontano dall’essere risolto.

L’accelerazione della digitalizzazione cosi come l’interruzione nella catena di approvvigionamento rappresentano le punte dell’iceberg della scarsità di questi componenti, diventati fondamentali non solo per l’automative bensì per tutti i settori industriali.

Certificati su Stm?

Come tutti i titoli che sono vicini ai loro massimi difficile trovare certificati che hanno in Stm il worst of, per cui occorre andare su certificati di recente emissione o sul solo titolo Stm (ma il rendimento non sarebbe interessante).

Interessante c’è questo certificato:

DE000VX2XN56 Certificato emesso da Vontobel, con scadenza 2/11/2023.

Con tutti i titoli sopra strike, proprio Stm è il worst of a +4,5% dallo strike, si compra sotto al nominale con minimo altre 4 cedole da incassare prima dell’eventuale autocall.

Per saperne di più ed avere un tutor dedicato che possa sempre segnalarti il meglio del mercato e/o il certificato che più soddisfa le tue esigenze scopri i nostri servizi evoluti

Servizi di Formazione Specialistica