La società in sintesi

Ryanair Holdings plc è la più grande compagnia aerea a basso costo d’Europa, operando più di 2.000 tratte e collegando 33 paesi europei.

Il fatturato netto è ripartito per attività come segue:
– trasporto passeggeri (63,3%): 27,5 milioni di persone trasportate nel 2020/21;
– servizi (36,7%): essenzialmente vendite charter, noleggio veicoli, vendite in volo e servizi di terra.
A fine marzo 2021, il gruppo disponeva di una flotta di 451 aerei.
Le vendite nette sono ripartite geograficamente come segue: Irlanda (5%), Regno Unito (15,3%), Italia (23,1%), Spagna (19,3%) ed Europa (37,3%è una compagnia area a basso costo irlandese con sede a Dublino, la cui più importante base operativa è l’Aeroporto di Londra Stansted.

Negli anni si è evoluta in una compagnia aerea di profitto, mantenendo notevoli margini di guadagno.

Ryanair si è caratterizzata per una rapida e continua espansione, resa possibile dalla deregolamentazione dell’industria aerea europea del 1997.

Nel 2012 ha trasportato oltre 80 milioni di passeggeri, diventati 118 nel 2017, attestandosi così al primo posto fra i vettori continentali.

Oggi si ritiene che sia la compagnia aerea più scelta dai viaggiatori a livello europeo, seguita dalla sua rivale Easyjet, anch’essa compagnia aerea a basso costo.

Le tre basi principali come numero di rotte servite sono Londra Stansted, Dublino e Bergamo Orio al Serio.

Principali azionisti:

Indicatori economici

Totale azioni sul mercato: 1.135.213.528

Capitalizzazione: 15,19 Mld

Ricavi: 2,6 Mld (1Trimestre 2023)

Utile netto: 170 Mln (1 Trimestre 2023)

P/E: 76

Presentazione dati 07/11/2022

Analisi tecnica

Ryanair mostra un grafico decisamente migliore dei suoi competitor, nonostante le turbolenze e le problematiche degli ultimi mesi abbiamo colpito con diverse cancellazioni e tanti reclami anche la maggior compagnia low cost europea, il titolo non si trova sui minimi e staziona all’interno di un box di valori che vede 65$ e 95$ rappresentare il limite inferiore e superiore dello stesso.

I prezzi si stanno avvicinando alla prima resistenza rappresentata dall’area degli 80$, un superamento della stessa con prezzi stabilmente sopra tale livello sarebbe un ottimo segnale di forza, attualmente solo prezzi sotto il supporto dei 65$ sarebbe un chiaro segnale di debolezza.

1 Resistenza 80$ successiva 100$

Supporto 65$

NEWS

 Ryanair chiude primo trimestre dell’anno fiscale 2023 con un utile di 170 milioni di euro, ricavi per di 2,6 miliardi (+602%) e costi operativi per 2,3 miliardi (+253%).

L’utile del trimestre èancora al di sotto i livelli pre-pandemia (nel primo trimestre 2019 era stato pari a 243 milioni euro), ma la compagnia low cost irlandese ha registrato una forte accelerazione rispetto allo scorso anno, quando il settore scontava ancora bassi livelli di attività a causa della pandemia.

In particolare, il numero dei passeggeripassato da 8,1 milioni del trimestre marzo-giugno 2021 a 45,5 milioni nello stesso trimestre quest’anno (+471%), con un load factor del 92%.

Il ceo e fondatore Michael O’Leary ammette però ancora una “scarsa visibilità” sul secondo trimestre e “zero visibilità” per la seconda parte dell’anno e non dà una guidance per la fine dell’anno, per questi motivi, Ryanair non offrirà più le tariffe super scontate che negli anni ’90 hanno fatto decollare la prima compagnia aerea low cost in Europa. Il cambio di rotta annunciato dall’amministratore delegato è dettato dal caro energia, spinto dalla guerra in Ucraina che ha portato ad un forte aumento del carburante che si riflette sulle tariffe aeree.

“Non credo che ci saranno più voli a 10 euro. La nostra tariffa media è stata l’anno scorso di 40 euro, andremo verso i 50 nei prossimi cinque anni.

Le nostre tariffe promozionali super scontate, quelle a 1 euro, a 0,99 o anche a 9,99, penso che non si vedranno per un certo numero di anni”, ha detto O’Leary intervistato dalla Bbc.

Il settore delle low cost che pure resisterà perché le persone continueranno a volare “frequentemente” è “inevitabilmente influenzato” dagli aumenti del petrolio.

Tuttavia ha fatto sapere il CEO, Ryanair continuerà ad avere “milioni di posti a 19,99 euro, 24,99 e 29,99”, mentre i biglietti dei concorrenti diventeranno ancora più costosi.

Un aumento già evidenziato dall’Istat che ha registrato a luglio un incremento del 160,2% per i biglietti aerei internazionali.

 

Per saperne di più ed avere un tutor dedicato che possa seguirti,  scopri i servizi evoluti

Servizi di Formazione Specialistica