6 Gennaio 2022 News

Un inizio 2022 che in pochi intravedevano, per i pochi orsi rimasti è stato gioco facile pescare i salmoni stanchi che tentavano di risalire il fiume.

Prendo spunto da questo post di Angelo: “Dopo una performance stellare degli Indici Internazionali con Wall Street a +27% (l’Indice S&P500) e il NASDAQ abbondantemente sopra il 20% cosi come il nostro FTSEMIB nel 2021, il nuovo anno era iniziato bene fino ad oggi.

La pubblicazione delle Minute della FED (La Banca Centrale Americana) ha spaventato i Mercati: Jay Powell sembra intenzionato ad alzare i tassi prima del previsto, ossia a marzo, ed a una velocita” maggiore rispetto alle attese.

L’elevata inflazione (non più cosi “temporanea”) e il mercato del lavoro in forte ripresa sono le due motivazioni dietro a questa scelta.

Scendono i listini americani e frana l’Indice dei tecnologici a – 3.34%, peggiore performance nei primi 3 gg del nuovo anno dal 2008.

Vola il rendimento del Decennale Americano che si spinge a +1.7%.

Gli investitori iniziano a liquidare le azioni tecnologiche che con i tassi in rialzo sono poco attraenti in particolare con inflazione elevata.

Nelle varie dirette, si era sempre detto che il 2022 sarebbe stato un anno molto più difficile dal precedente (dove tutti hanno guadagnato), un anno dominato dalla volatilità’.

A quanto pare si è iniziato prima del previsto.

Angelo Ciavarella”

ISCRIVITI AL WEBINAR GRATUITO GB CERTIFICATES
Giovedi 13 Gennaio ore 14.00

Sul fronte certificates la Gbinvesting segnala di avere in portafoglio un solo certificato con un titolo tecnologico americano (Roblox) in leggera sofferenza preso proprio a fine anno 2021

DE000VX43V26 Certificato emesso da Vontobel, con scadenza 27/12/2023

E un altro certificato che vede tutti i titoli saliti molto (anche se potrebbero scendere con la stessa velocità con cui sono saliti) ma il cui worst of è un titolo nostrano (Stm).

DE000VX2XN56 Certificato emesso da Vontobel, con scadenza 2 Novembre 2023.

Come potete constatare sono scelte motivate a due settori che dovrebbero avere ancora molti estimatori anche nel 2022 (Metaverso e Microchip), ma in compenso già a novembre siamo entrati su due reverse su titoli americani, proprio perché certi valori cominciavano ad essere molto alti rispetto ai fondamentali delle aziende ed avere un 40% di protezione poteva essere sufficiente a reggere l’impatto di eventuali altre fiammate sui singoli titoli, regolarmente verificatesi, ma puntualmente rientrate.

Peccato aver comprato solo un 5% sul totale del nostro portafoglio del primo (più aggressivo (rende il 18% all’anno) e un 10% del secondo (molto più prudente avendo la clausola multichance che a scadenza scarta ben 2 titoli su 4).

CH1143303894 Certificato emesso da Leonteq, con scadenza 12 Maggio 2023.

CH1148256923 Certificato emesso da Leonteq, con scadenza 22 Maggio 2023.

Avere un 20% liquido, un 15% su due reverse e un 20% che dovrebbe rimborsare a gennaio, ci permette di poter attendere sereni un eventuale sciacquone del mercato

Giovanni Borsi

ISCRIVITI AL WEBINAR GRATUITO GB CERTIFICATES
Giovedi 13 Gennaio ore 14.00