Questa vignetta era stata usata ben tre anni fa e da allora non abbiamo risparmiato critiche ad UBS che, pur facendo molti più prodotti di prima (alcuni anche “decenti”), cerca di abbellire il suo nome “usando” nomi di “influencer” che caldeggiano questo o quel prodotto.

Purtroppo da trader, attentissimo ai dettagli, che magari vedo solo io, continuo a vedere comportamenti discutibili nella loro attività di Market Making, per cui per me rimane in BLACK LIST e per comprare un loro prodotto deve proprio essere qualcosa di fantastico e di breve durata (visto che nel lungo periodo non sai mai cosa ti può succedere).

Ora sotto l’occhio del ciclone c’è Credit Suisse, con questo prodotto Codice Isin XS1520272144 hanno decisamente toppato, indicando sul KID che le cedole erano a memoria, traendo in inganno anche i principali siti che ne hanno riportato le caratteristiche.

Molti hanno comprato questo prodotto confidando nella memoria delle cedole (c’è stato a riguardo anche un articolo su Plus24ore) ed ora che la rilevazione aveva centrato l’obiettivo si sono visti accreditata una sola cedola.

Questo un estratto del kid, prima che venga fatto sparire:

Immagine1

Per esperienza posso dire che facilmente Credit Suisse, vista la pioggia di lamentele che riceverà, arriverà a pagare le cedole a memoria, ma probabilmente le pagherà solo a chi si lamenta e non a tutti gli altri riducendo di molto il danno.

In queste occasioni andrebbe segnalata tutta la questione alla Consob o a Vigilanza di Borsa così che vengano attuate pressioni sull’Emittente perché tutti i risparmiatori possano ottenere lo stesso trattamento.

Per cui mi auguro che, indipendentemente da come si chiuderà la vicenda, anche Credit Suisse prenda la strada della Black List, io del resto l’ho già fatto da più di un anno, e le risposte me le devono dare coi comportamenti.

 

Io guardo i comportamenti, vediamo come Credit Suisse se ne esce, se pensa più al conto economico e all’immediato, o se pensa all’immagine e al business futuro.

Io di sicuro non faccio sconti a nessuno.

Oggi mi potete sentir parlare di un prodotto di Vontobel o di Citigroup e domani potreste sentirmi criticarli aspramente, io valuto i prodotti e soprattutto i comportamenti nell’attività di Market Making e di commissioni implicite, che devono mantenersi secondo certi standard (il giusto guadagno non deve diventare un furto).

Visto che a molti di voi interessa ben poco questo tipo di polemiche (su tutti i gruppi Facebook dedicati ai certificati non si parla d’altro che del certificato di Credit Suisse) colgo l’occasione per segnalare due nuovi prodotti, molto interessanti in questa fase di incertezza dei mercati in quanto hanno tutte le cedole incondizionate e sufficientemente ricche (e questo consente al certificato di reggere molto bene eventuali ribassi dei sottostanti).

XS1575028599 Certificato emesso da Citigroup, con scadenza 6/7/23.

Immagine3

Certificato in quotazione a 940 lettera, i sottostanti sono scesi tutti dal loro prezzo di partenza, worst of è Plug che perde circa il 15%. Le cedole garantite fanno si che l’unica cosa da monitorare è la barriera a scadenza, di fatto nei 2 anni si incassano 360 punti di cedole, se la barriera tiene diventano di rendimento cui sommare anche 60 punti di capital gain, se malauguratamente un titolo fosse sotto barriera a scadenza, si perde da 580 e non da 1000, avendo incassato comunque le cedole, quindi di fatto è come se la barriera fosse al 58% e non al 65% e ci fosse una sorta di airbag in quanto si subisce la perdita al massimo da 580 in giù


DE000VQ9RLP4 Certificato emesso da Vontobel, con scadenza 30/01/23.

Immagine4

Certificato in quotazione da pochi giorni, in lettera a 98.800, Tesla è scesa leggermente dal suo prezzo strike, gli altri titoli sono in linea, essendo a cedole garantite è meglio se almeno un titolo rimane leggermente sotto strike, in quanto evita l’autocall che è attiva ad ogni data di rilevazione.

In questo caso le cedole sono più ricche ma la durata è di soli 18 mesi (meglio o peggio?), meglio perché ci sono meno probabilità che un titolo scenda sotto barriera, peggio perché di certo incasso 18 cedole e non 24, per cui posso contare su 18x1.74= 31.32 che porterebbero a scadenza il certificato in carico a 98.80-31.32= 67.48, quindi mi copre meno del precedente in caso a scadenza il worst of sia sotto barriera.

Per cui credo che entrambe le strutture siano estremamente valide e che la valutazione sia più soggettiva e debba essere fatta sui titoli sottostanti, pensando a quelli che ci lasciano più tranquilli.

Buone vacanze a tutti

Giovanni