Anziché fare i galletti sotto l’ombrellone e poi rimanere scottati sarebbe sempre opportuno avere un approccio professionale nelle proprie scelte di investimento e l’assoluto rispetto dei mercati finanziari.

Su Facebook ho letto questo commento “Non leggo mai niente: do un’occhiata a cedlab e poi compro, tanto sale tutto”, direi che la vignetta prende spunto proprio da questi personaggi che oggi si gongolano sotto l’ombrellone vantando performance stellari, ma che poi domani saranno i primi a piangere perché non avranno capito cosa gli sta succedendo e solo a frittata fatta si metteranno a studiare.

Noi cerchiamo sempre di dare un perché alle nostre scelte di investimento, così come cerchiamo di analizzare i mutati scenari dei mercati, così da essere pronti a cogliere le opportunità migliori o a capire per tempo quando è il caso di alleggerire certe posizioni.

 

ISCRIVITI AL WEBINAR GRATUITO "GB CERTIFICATES"

 Lunedi 19 Luglio ore 14.00 

I mercati finanziari in America fanno registrare nuovi massimi assoluti nell’ottava appena trascorsa (con alcune timide eccezioni, l’indice Dow Jones e il Russell 2000, più che una reale divergenza sembra un fastidioso ritardo che stona un po’ con il clima gioioso e festaiolo che si respira in attesa della festa Americana per eccellenza del 4 Luglio).

È doveroso affermare in maniera oggettiva che allo stato attuale ha più probabilità un canadese di ritrovarsi un orso in casa nonostante il caldo infernale con punte fino a 50° nell’area della British Columbia, che un trader di vedere un minimo accenno di Bear market in borsa.

Immagine2

Nell’ultima giornata il rialzo sull’indice tecnologico, il Nasdaq 100, iniziato già nella prima giornata della settima è continuato per l’intera seduta con volatilità in diminuzione, combinazione ideale per un trend rialzista solido e consistente, rialzo che ha portato il bilancio settimanale positivo di circa 3 punti percentuali.

Come avevo segnalato nell’ultimo articolo il DE000VQ8XDR7 su Tesla (con Tesla a +10% da strike) venerdì è salito di prezzo nonostante Tesla fosse in leggera discesa a dimostrazione di quanto la volatilità sia determinante nel prezzare certi certificati.

Immagine3

Ma anche il DE000HV8BP08 segnalato dieci giorni fa ha ancora da correre se la vola si dovesse ulteriormente ridurre, cedole ricche (5.72% trimestrali) e airbag, ne sostengono il prezzo e anche perdere la prima cedola (per via del prezzo di mercato) manterrebbe un buon rendimento (l’autocall è alla seconda cedola e c’è da augurarsi che almeno un titolo sia sotto strike a quella data, così da mantenere il certificato in portafoglio).

Immagine4

La stanchezza e la perdita di momentum che apparivano dal grafico appena qualche settimana sono state spazzate via da dati sull’occupazione agricola, il Non farm Payroll, molto al di sopra delle attese.

Oramai parlare di rimbalzo dai minimi visti a Marzo 2020 non è più corretto, in quanto più che di rimbalzo sarebbe corretto parlare di una mega inversione dai minimi visto che l’indice è più che raddoppiato anche dai valori precedenti il ribasso.

Immagine5

Qualcuno si domanda se questo trend è sostenibile, la risposta è che in assenza di dati negativi, di market mover sensibili e soprattutto di venditori che sembrano completamente scomparsi dai radar, segnali per uno “sciacquone” estivo imminente all’orizzonte non ce ne sono, e chi li vede o si ostina e cercarli è probabilmente alla ricerca di una chimera.

Il punto chiave è che più a lungo i prezzi si manterranno sopra la resistenza appena superata e più rilevante e forte sarà la nuova direzionalità anzi le quotazioni potrebbero performare anche oltre le più rosee aspettative.

Gli operatori che sono rimasti fuori dall’ultimo rialzo si augurano una correzione ma piuttosto che preoccuparsi con cielo limpido e soleggiato del quando pioverà, meglio focalizzarsi su strumenti con strutture e sottostanti che meglio potrebbero ammortizzare e assorbire improvvisi e per ora fantomatici cali con volatilità in aumento.

 

Le società che potrebbero  meglio cavalcare l’attuale scenario e superare indenni le turbolenze o i piccoli temporali estivi sono rappresentate da quei settori e società specializzate nei pagamenti elettronici, nell’e-commerce, nell’energie rinnovabili e auto elettrica, ma anche nei viaggi e alberghieri, oltremodo penalizzati dalla pandemia e recentemente stornati di nuovo per via delle preoccupazioni sulla variante del virus, che potrebbero beneficiare  di un boost aggiuntivo con il ritorno alla normalità che un po’ tutti si augurano spinti  da dati sui contagi e sul numero di vaccinati incoraggianti.

La discesa di Tui ha portato sotto alla pari questi due certificati:

DE000VQ74SC0 Certificato emesso da Vontobel, con scadenza novembre 2022¸ certificato sulle compagnie aeree che ha ora un potenziale rendimento del 28% in 17 mesi:

Immagine6

XS1575031114  Certificato emesso da Citigroup, con scadenza Giugno 2024, certificato sugli operatori turistici che ha una durata un po' più lunga (quindi più sensibile alla volatilità) e che venerdì era in lettera a 963 per un rendimento di quasi il 20% annuo

Immagine7

Ma anche il già citato XS1575028839 ora che è passata indenne anche l’asta dell’inoptato di Autogrill potrebbe essere un buon cavallo anche grazie alla sua durata decisamente breve (12 mesi) e agli strike bassi anche sugli altri due sottostanti.

Immagine8

Manteniamo dunque gli occhi ben aperti perché andiamo incontro ad un periodo, le prossime settimane, che vedranno sempre più operatori andare in ferie, a respirare liberamente e dedicarsi ad un po’ di sano svago e perché no anche a divertirsi, dopo mesi di prolungato e forzato lockdown.

Allacciamo le cinture, mettiamo anche qualche ombrello in valigia, non dimentichiamoci la giusta protezione ma per ora godiamoci il sole!

Non mancare al prossimo Webinar Gratuito sui Certificati di Investimento:

ISCRIZIONE AL WEBINAR GRATUITO "GB CERTIFICATES"

 Lunedi 19 Luglio ore 14.00 

Se non riesci a partecipare iscriviti in ogni caso così potremo inviarti il link con la registrazione del webinar

Alla prossima

Giovanni Borsi