La vignetta vuole evidenziare come Elon Musk confidi nel mercato cinese per salvaguardare il business di Tesla (oltre il 25% delle vendite è fatto in Cina), grazie anche alla Gigafactory Shanghai, che ha permesso a Tesla di arrivare alla fine del suo primo anno di vendita di auto prodotte in Cina con una posizione di comando nel più grande mercato di veicoli elettrici del mondo.

La capacità di Tesla di difendere il proprio vantaggio in Cina sarà la chiave per la sua crescita e per i suoi utili futuri e servirà a capire se potrà o meno diventare un player globale nel mercato dell’auto.

La simpatica vignetta di Don Alemanno la dice lunga su come i rischi per Tesla non vengano dai campioni locali Nio, Xpeng e Li Auto, bensì da colossi del calibro di Volkswagen.

Nio, la più grande delle tre compagnie cinesi summenzionate, sta costantemente incrementando le vendite dei suoi SUV e così gli altri player cinesi, a dimostrazione che la Cina sia, in questo momento, il mercato più ricco e ambito del pianeta

Di fatto si trovano tutte alleate nella battaglia contro le case automobilistiche convenzionali che si stanno spostando rapidamente verso le auto elettriche.

Colossi del calibro di Volkswagen e Daimler non staranno certo a guardare, anche se per il momento hanno in Cina numeri piccolissimi.

Questo certificato Codice Isin: DE000VQ6PYB7 emesso da Vontobel ha tutte le cedole garantite, di ben l’1,81% mensili e scade tra 18 mesi.

1

I titoli più volatili e su cui è il grosso del delta di questo certificato sono sicuramente Nio e Tesla, gli strike sono decisamente più bassi rispetto a solo due mesi fa e questo ci dovrebbe far stare più tranquilli, visto e considerato che in questa tipologia di certificati abbiamo già la certezza del flusso cedolare e l’unica incertezza è il rimborso a scadenza.

Se poi lo confrontassimo con questo certificato, il più simile che c’è in giro:

Codice Isin: DE000VQ3YU34 Certificato emesso da Vontobel, con scadenza 2 anni.

2

Capiremmo subito che avere cedole incondizionate così alte difendono tantissimo dagli eventuali ribassi del sottostante.

In questo caso Nio è decisamente il worst of, essendo addirittura vicino a barriera ma oggi vale ancora sopra 100, permettendo di poter uscire indenni nonostante Nio abbia perso quasi il 35% dal suo prezzo strike.

Questo è il motivo per cui sono corso ha comprare il certificato emesso oggi da Vontobel, perché stare alla finestra sperando in un ribasso di uno dei titoli sottostanti (abbastanza probabile che possa succedere in questo periodo di alti e bassi del Nasdaq) non è garanzia di poter comprare il certificato a meno del nominale.

Per assurdo, avendo l’autocall già dopo un mese il ribasso di uno dei sottostanti potrebbe farlo salire anziché scendere, proprio perché ne garantirebbe una maggior vita (un maggior numero di cedole).

Spesso questi dettagli sfuggono, ma solo l’osservazione costante dei prezzi permette di capire come reagisce il prezzo di un certificato al variare dei prezzi delle attività sottostanti, tenendo conto di tutte le variabili in gioco (volatilità, autocall, barriere, cedole garantite etc etc…).

Ti aspettiamo al webinar in cui Giovanni Borsi in collaborazione con Directa Sim, tratterà le strategie più interessanti da applicare nel prossimo periodo estivo con i certificati e gli aumenti di capitale.

Per poter seguire il webinar in diretta, è necessario registrarsi:

Martedì 4 Maggio ore 16,00

>>>ISCRIVITI ORA AL WEBINAR FREE<<<

I temi principali trattati durante il webinar saranno:

  • L'influenza dello stacco dividendi di maggio sul prezzo dei certificati.
  • Quali caratteristiche preferire per stare sereni: scadenze, barriere e clausole accessorie.
  • Lufthansa e Autogrill ai nastri di partenza

 

Come da molti richiesto è disponibile su Amazon il nuovo libro sugli Arbitraggi a questo link

ARBITRAGGI

 

Un caro saluto

Giovanni Borsi e lo staff GB Investing