LA GUERRA DEI MAXI COUPON ENTRA NEL VIVO

Si preannuncia un autunno caldo sia per quanto concerne la volatilità dei mercati sia per l’avvicinarsi di fine anno e della corsa dell’ultima ora per chi ha minus in scadenza.

Devo segnalare di fare massima attenzione ai prodotti che circolano per una serie di fattori:

  1. Gli Emittenti mi sembra che abbiano alzato i loro margini, per cui fare attenzione ai maxicoupon che propongono
  2. Pur di chiamare un prodotto maxicoupon Unicredit non paga la cedola per sei mesi e poi la paga tutta in una volta, giusto per potergli dare il nome Maxicoupon
  3. Mai farsi guidare dall’urgenza dell’operazione e scegliere il primo prodotto che ti viene presentato, soprattutto se questo avviene da parte della tua banca con prodotto emesso dalla banca stessa

Io ribadisco l’idea che il recupero minusvalenze va pianificato per tempo proprio per non cadere nella rete dell’Emittente che tende a farti pagare di più il prodotto poco prima dello stacco e farti incassare molto meno della cedola subito dopo lo stacco.

Inoltre un maxicoupon per chiamarsi tale deve offrire un coupon dal 15% in su se no lo si può tranquillamente sostituire con altri prodotti che si trovano sul mercato e si hanno decisamente più probabilità di guadagnarci qualcosa (non solo dunque spostare in avanti le minusvalenze).

Faccio questo esempio molto interessante perché offre l’opportunità di incassare due cedole del 6,30% da qui a fine anno (certificato che avevamo già evidenziato a giugno in questo articolo che consiglio di rileggere in quanto tratta nei dettagli anche i titoli sottostanti il certificato):

ISIN: XS1973491076, Phoenix Worst Of Memory emesso da Credit Suisse, scadenza 16/6/2025

Un bel poker d’assi:

  •         RENDIMENTO ALTO: cedola a memoria 6,3% trimestrale (oltre il 2% mensile)
  •         BARRIERA PROFONDA: addirittura al 45% degli strike iniziali
  •        SOTTOSTANTI VALIDI: volatili sì, se no non si spiegherebbe il rendimento offerto, ma decisamente validi, avendo retto alla grande in questo 2020, anzi avendo ampliato i rispettivi business
  • PREZZO DI ACQUISTO ALTO MA NON TANTO SE SI PENSA CHE TRA 2 GIORNI PAGA IL 6,3%: se uno ha minus molto interessante, se uno non le ha può comprarselo appena dopo lo stacco e lo pagherebbe meno di 100

1

La fortuna di questo certificato è che un titolo (Beyond) è sceso un po' dallo strike e permette di comprare il certificato ad un prezzo interessante, soprattutto in considerazione delle barriere finali poste al 45%, veramente merce rara sul mercato.

Se si vuole ricadere su un normalissimo phoenix con maxicoupon che in settembre stacca un 15% segnalo questo certificato di Citigroup, non offre una maxicedola del 30% come quello che ha staccato ad agosto ma ha dei sottostanti europei decisamente meno volatili per cui è normale che sia in linea con le migliori offerte di altri Emittenti.

 

ISIN: XS1575024259, Phoenix worst of Memory emesso da Citigroup con scadenza 8/7/2025

2

Ricordo che, indipendentemente dai su e giù del mercato che fanno salire o scendere il prezzo del prodotto, sempre meglio anticipare l'acquisto ed evitare di arrivarci l'ultima settimana quando magari è giù salito sopra al nominale.

Ma per spiegare certe sfumature ed affrontare al meglio gli ultimi mesi dell'anno ti aspetto al mio prossimo

 GB WEBINAR CERTIFICATI DI INVESTIMENTO

Lunedi 5 Ottobre alle ore 14.30

REGISTRATI GRATUITAMENTE

 

Ma se hai delle minus in scadenza nell’anno chiedi una coaching gratuita con uno dei nostri tutor al più presto così da sapere come muoverti e non arrivare all’ultimo minuto

PRENOTA ORA

Un caro saluto

Giovanni Borsi