Nell’ultimo articolo pubblicato settimana scorsa abbiamo parlato di quanto sia difficile comprare psicologicamente un prodotto sopra la pari, proprio perché si pensa subito alla perdita in conto capitale che si otterrà quando il certificato verrà rimborsato al suo valore nominale, che però è solo un elemento da considerare, ma non l’unico!

Ma oggi il 90% degli ultimi prodotti arrivati a mercato tra marzo e aprile è sopra alla pari, per cui bisogna saper cogliere anche le opportunità che possono celarsi tra questi prodotti senza cestinarli a prescindere solo perché sono sopra la pari.

Faccio solo 3 esempi per essere chiaro:

CH0524353452 phoenix su indici europei, scadenza 16/03/2023

1

Certificato emesso a marzo 2020 da Leonteq con cedole basse rispetto a quello che gira oggi, ma gli indici sono risaliti del 20% medio per cui è difficile ipotizzare il mancato rimborso tra 9 mesi per cui pagarlo oggi 1013 (tra l’altro a metà giugno già paga 15 punti della prima cedola) si ha la tranquillità di un probabile rendimento del 6% annuo che si dovrebbe chiudere col rimborso anticipato a marzo 2021.


XS1575031031: Maxicoupon su Generali Enel Eni Prysmian e Unicredit 15/04/2024

2

Certificato emesso a metà aprile da Citigroup che ha l'autocall dopo 6 mesi, per cui molto interessante a chi crede che tra sei mesi il nostro mercato possa avere prezzi migliori di adesso e quindi ottenere non solo il vantaggio dei classici maxicoupon (la maxicedola che sposta in avanti le minus) ma anche il vantaggio del rimborso anticipato che traduce in guadagno vero la maxicedola.

Questo oramai costa 1110 ma a luglio paga una maxicedola del 25% per cui potrebbe soddisfare il bisogno di chi deve spostare in avanti le minusvalenze e mantenere comunque anche la possibilità di ottenere una vera plusvalenza qualora centrasse il rimborso anticipato alla prima data utile (ottobre): chiaramente il 25% è tnata roba per chi guarda la maxicedola in ottica minus, ma anche il 14% in poco più di 4 mesi lo rende appetibile a chi punta ad un rialzo di Eni, worst of ed unico titolo sotto strike.

CH0539861309: phoenix su Salesforce e Shopify, scadenza 15/05/2023

3 1

Certificato emesso da Leonteq a metà maggio su ottimi sottostanti e discreto rendimento, che ha molte probabilità di finire la sua vita alla prima data di autocall dopo sei mesi.

Il prezzo di fatto ci farebbe perdere la prima cedola, ma almeno non c’è l’autocall se non dopo sei mesi, se uno ritenesse validi i due sottostanti sui quali abbiamo scritto di recente un articolo potrebbe quasi fare il tifo perché un sottostante stia sotto strike così da potersi garantire a lungo un flusso cedolare del 15% annuo.

Abbiamo tanti altri spunti da offrirti in questa fase di mercato che io definirei di transizione, visto che le aziende e l’economia stanno per ripartire ma con tante incognite e con tanti settori che non potranno tornare ai business ante covid -19

Per cui c’è da aspettarsi altri fulmini a ciel sereno come quello che ha colpito Cattolica Assicurazioni, che si trova a dover fare un aumento di capitale per un improvviso stato di deterioramento delle condizioni di solvibilità e che alla notizia ha reagito con un bel -16%.

Per cui il nostro compito oggi, nella ricerca dei certificati migliori, deve tener conto anche delle probabilità che possa accadere un evento del genere ed è proprio per questo che stiamo evitando accuratamente sottostanti del settore auto e delle compagnie aeree.

IO E DAVIDE BIOCCHI TI ASPETTIAMO AL WEBINAR FREE

MERCOLEDI’ 3 GIUGNO ALLE ORE 11,00

 REGISTRATI 

Non mancare a questo webinar speciale e se sei impegnato registrati comunque in quanto sarà registrato e potrai vederlo quando preferisci.

 

Se sei interessato ad approfondire gli Aumenti di Capitale entra nella sezione dedicata del sito per accedere ad ebook, video ...

Un caro saluto

Giovanni Borsi & Davide Biocchi