Ci stiamo avvicinando alle tre streghe di giugno (scadenza di opzioni su titoli e su indici e scadenza dei futures) e come al solito il mercato torna a muoversi repentinamente: nella giornata del 18 giugno 2019 gli indici hanno virato decisamente al rialzo dopo essere partiti in negativo.

Questi sono i giochi che fanno i grandi Istituzionali, agevolati anche da un mercato sempre più illiquido, dove scarseggiano i temi per cui diventa facile muovere il mercato.  Ma attenzione perchè la liquidità è ai massimi livelli per cui le discese non dovrebbero fare paura; sarà facile attendersi nei mesi estivi escursioni di prezzo difficilmente prevedibili: meglio dunque dei buoni certificati (buy and hold) che sono al riparo da queste oscillazioni, che cimentarsi direttamente sulle azioni e subire la beffa degli HFT che muovono il mercato a seconda della loro posizione!!!  

Avvicinandosi l’estate si potrebbe pensare di mettere qualche buon certificato reverse in portafoglio, interessante è questo nuovo certificato emesso da Leonteq, che presenta un rendimento cedolare superiore alla media ed oltretutto si compra sotto la pari (960-970) grazie al corposo rialzo dei sottostanti degli ultimi giorni.

Quando la cedola è molto alta, come abbiamo visto con altri certificati, il prezzo del certificato si mantiene abbastanza alto anche se uno dei titoli del paniere dovesse andarci contro di un 10-20%.

Codice Isin: CH0481327168

I titoli sottostanti sono:

  • Micron Technology con strike 32,66$,
  • Netflix con strike 339,73$,
  • Nvidia con strike 144,64$
  • Tesla con strike 214,92$.

Il regolamento prevede il pagamento di una cedola mensile del 2% su un nominale di 1000 (cedola a memoria) a patto che nessuno dei 4 titoli sottostanti sia salito oltre il 140% del prezzo strike (essendo un reverse). La scadenza è prevista per il 14 giugno 2021 (2 anni) ma già a dicembre 2019 se tutti i titoli sottostanti dovessero quotare al di sotto del prezzo strike scatterà la clausola autocall con il conseguente rimborso anticipato.

La funzione “quanto” sterilizza il rischio di cambio, per cui anche se i sottostanti quotano in dollari il certificato quota in euro e non risente del cambio.

A scadenza qualora non fosse stato rimborsato in anticipo, se tutti i titoli sottostanti quoteranno entro il 140% del loro prezzo strike, il certificato rimborserà il nominale, in caso contrario rimborserà 1000 meno la performance positiva del miglior titolo del paniere.

SOTTOSTANTE

STRIKE

TRIGGER

BARRIERA

MICRON TECNOLOGY

  32,66$

 45,724$

  45,724$

NETFLIX

339,73$

475,622$

475,622$

NVIDIA

144,64$

202,496$

202,496$

TESLA

214,92$

300,888$

300,888$

 

In ogni caso, la mia idea è che tra il long e lo short oggi non avrei alcun dubbio e sceglierei lo short, soprattutto con i certificati, che mi danno una certa protezione, per cui mi posso anche permettere di sbagliare il timing di ingresso…nel senso che se non scende ora ma scende questa estate poco cambia. L’importante è non rimanere invischiato in un improvviso ribasso, vedasi quello che è successo a febbraio dello scorso anno su Wall Street:

lasciare in mano ai software la gestione dei grandi fondi ha generato una serie di ordini automatici che hanno portato Wall Street a perdere in una sola giornata il 10% e qualche fondo a saltare per aria.

Questo è ciò di cui ho paura ed è per questo che preferisco la PRUDENZA.

Non credo comunque a grandi ribassi, perché l’equity è ancora da preferire al mercato dei bond, da cui starei decisamente alla larga, visto l’indebitamento crescente che c’è un po’ in tutto il mondo. In questo momento di mercato sono quasi uscito totalmente dai long, alcuni per autocallable altri per mia scelta ed ora sono posizionato prevalentemente su certificati reverse, alcuni oramai prossimi al rimborso.

Ai consulenti piace questo certificato di Natixis sugli indici anche se il rendimento è modesto, ma sicuramente non li espone al rischio su un singolo titolo ed è più adatto a coprire un portafoglio di fondi solitamente solo long sul mercato Io preferisco rendimenti maggiori, sull’Italia non mi dispiace questo che ha cedole doppie rispetto a quello sugli indici, anch’esso emesso da Natixis e che solo il rialzo di Leonardo di questi giorni ha riportato a prezzi ragionevoli, è interessante perché ha tutti i titoli che sono scesi a parte Leonardo per cui si riesce a gestire bene eventualmente con coperture su Leonardo in opzioni, anche se devo dire la verità molto meglio i reverse con sottostanti titoli americani su cui è molto più profittevole gestire le eventuali opzioni a copertura.

Sarà molto interessante il prossimo webinar gratuito sui certificati, che ho messo in calendario per giovedì 27 giugno alle ore 16, in cui vi presenterò una novità di cui beneficeremo sicuramente a livello operativo, ma soprattutto potrà migliorare di molto la qualità dei prodotti offerti sul mercato aumentando la concorrenza tra gli Emittenti.

>>> ISCRIVITI AL WEBINAR GRATUITO <<<

Alla prossima

Giovanni Borsi