Nello scorso appuntamento ti ho dato qualche antidoto per depistare le STREGHE e trasformarle in SIRENE, però non è tutto oro quel che luccica, quindi come fai a riconoscere la reale intenzione delle sirene che si presentano a te e che ti incantano con le loro offerte irresistibili?

Le presunte offerte irresistibili dilagano sul web, il mondo degli investimenti per le sue caratteristiche intrinseche si presta ad essere pilotato da malintenzionati più o meno pericolosi, e non mi riferisco solo alle truffe conclamate del trading (opzioni binarie, cripto, forex, etc…) che ormai sono sulla bocca di tutti (anche se ci cascano ancora in molti) ed anche gli organi di vigilanza stanno cominciando (troppo lentamente) a porre rimedio nei casi più palesemente gravi.

Riconoscere queste sirene, che sono particolarmente istrioniche e spettacolari nelle loro manifestazioni, per te che mi leggi con costanza sarà ormai scontato che sono da evitare come la peste, ma ci sono tantissime altre modalità, molto più subdole e sofisticate, in cui alcune sirene si possono presentare e non sempre hanno buone intenzioni verso gli acquirenti ed utilizzatori finali.

Già ai tempi di Odisseo le sirene ammaliavano i marinai che, cercando di afferrarle, morivano annegati. Canto seducente e trame insidiose sono le armi con cui cercavano di ammaliare Odisseo, attratto dal desiderio insaziabile di apprendere. Siamo un po’ come Odisseo anche noi: facciamo le nostre ricerche, poi decidiamo e facciamo delle operazioni. Nella fase della ricerca siamo continuamente bombardati da input che poi rielaboriamo nel nostro processo decisionale, attribuendo loro veridicità e pesi diversi a seconda della nostra posizione, del nostro background e delle nostre emozioni correnti.

Come se districarsi nei labirinti tecnici della materia non fosse già abbastanza complesso, dobbiamo anche fare i conti su COME LE NOTIZIE CI VENGONO PRESENTATE – e immancabilmente lottare contro i nostri bias cognitivi.

Non cadere nelle illusioni che l’industria finanziaria costituisce
per portarsi a casa la fetta più grossa e con certezza è tra le parti più delicate dell’operatività e richiede sangue freddo, prima ancora che conoscenze tecniche.

La finanza è molto complessa e variegata e non la conosci davvero fino a quando non conosci il comportamento dei soggetti che creano e di quelli che promuovono il prodotto che hai per le mani. Limitandoci al reparto dei certificati, i canti meno trasparenti e più ingannevoli che tu possa sentire sono questi:

  1. GLI EMITTENTI INVENTANO NOMI DIVERSI che indicano stesse categorie per creare confusione: per indorare la pillola, si inventano nuovi nomi e nuove proposte o presunte categorie, spesso creando l’illusione che il prodotto sia da comprare subito, che sia un'opportunità eccezionale da cogliere immediatamente. E’ un po’ ambiguo, ma fa parte del gioco e non puoi non tenerne conto. Purtroppo non ci saltano fuori e non riescono a creare una lista con n. nomi e mantenerli almeno come macrocategorie. Così già la materia è nuova e difficile, poi ogni 2 minuti tirano fuori un nomignolo nuovo, che magari è il cugino del precedente, ma col nome più accattivante diventa automaticamente più ammaliante. Ormai è diventato un supermercato dove la guerra non la si fa sulla qualità del prodotto, ma sul nome più efficace in termini di marketing. E noi siamo tutti vulnerabili all’effetto framing, cioè la nostra percezione dipende anche da come ci viene presentata una cosa, se incorniciata in termini negativi o positivi, proprio per indurci ad adottare un certo comportamento, anziché un altro.
  2. DOPPIA CEDOLA/CEDOLONE/DOPPIA BARRIERA/BARRIERA VARIABILE/DOUBLE CHANCE, CRESCENDO RESILIENCE etc, ammazza e poi? Questo purtroppo è un genere di melodia che cattura l’attenzione di chi è sempre a caccia di rendimenti alti e rischi bassi, quindi molto ben predisposto a farsi abbindolare da certe sirene. Niente da ridire sull’esistenza di questi prodotti, avrei qualcosa invece da ridire su COME moltissimi Emittenti CARICANO e NASCONDONO COSTI IMPLICITI vergognosi (ho visto anche dei 7-8% in quelli più truffaldini che se va bene, recuperi l’anno del poi e il mese del mai, così rimani incastrato fino a scadenza e hai fatto il loro gioco…).

Se non mastichi i mercati con dimestichezza, fai fatica a cogliere queste sfumature (sfumature un corno in realtà, visto che ti segano il portafoglio, se non ti svegli); provo a farti uno dei numerosissimi esempi che mi è capitato sotto gli occhi recentemente (non è che faccio la spia, ma cavolo, un minimo di decenza! Così spudorati uno che sa un minimo di finanza, ci va a nozze a smontarli):

Un Emittente, ma non è l’unico, ha creato una serie infinita di Certificates con Azimut come sottostante nei mesi antecedenti lo stacco cedola di 2€: facile dare l’impressione di pagare molto bene, quando dopo poco più di un mese lo stacco dei 2€ fa andare il prodotto già sotto alla barriera! Per quale motivo dovrei essere così pirla da cascare sulle note di questo canto?

Tra questa moltitudine di spartiti nati per sbaglio, la maglia nera come peggiore del gruppetto è il CH0411109751: guarda caso è proprio quello che sembra pagare di più, in soli 12 mesi addirittura un 28%! Peccato che difficilmente lo pagherà e già oggi vale meno di 800, con una perdita di oltre il 20% in un mese e mezzo: ci credo, ha fatto strike il 3/5/2018 a 17.43€ di Azimut con barriera a scadenza del 90%, ma con lo stacco dividendo che avrebbe portato Azimut subito sotto alla barriera.

Uno sfortunato fratellino di questa triste cucciolata (CH0411113159) ha fatto addirittura strike il giorno prima dello stacco: direi che è studiato ad arte, tra l’altro per un misero 1% al mese, che difficilmente verrà mai pagato, visto che Azimut è già sotto del 15%.

C’è gente che compra queste strutture prive di senso, perché è rimasta abbindolata dalle melodie delle sirene, 2 paroloni, 2 pacche sulle spalle ed è fatta. Hanno il bel da cantare queste sirene, ma se le incontro io è meglio se vanno a fischiettare da un’altra parte.

E infatti questo è diventato un po’ il mio ruolo: Ulisse otturò con la cera le orecchie dei compagni per non far sentire loro le cavolate tipo quelle di cui sopra. Io invece te le faccio sentire tutte le campane, con tanto di codici e di MOTIVAZIONI (le opinioni le lasciamo alla colazione al bar).

Anch’io negli anni sono stato fregato ripetute volte dalle Sirene, sennò col cavolo che adesso le sapevo RICONOSCERE e neutralizzare o fronteggiare, a seconda dei casi e delle risorse che ho. Io poi che ho sempre avuto una propensione al rischio innaturale, mi sono dovuto fare legare all’albero della nave bello stretto tante volte, perché la tentazione è una brutta bestia e L’UNICO MODO PER NEUTRALIZZARLA E’ CONOSCERE NEL DETTAGLIO COSA STAI SOTTOSCRIVENDO.

Riprendendo il tema di Azimut, ti dimostro cosa vuole dire applicare il nostro GB mantra "ANALIZZA-CONFRONTA-SCEGLI-GESTISCI": avendo visto cosa c’era in giro e soprattutto il suo TALLONE D’ACHILLE, è stato (relativamente) facile far nascere un prodotto che, ispirato da una sirena scarsina, OGGI è tra i migliori in circolazione e contiene proprio Azimut.

ANCHE SE E’ SEMPRE AZIMUT
CAMBIA LO STRIKE (E QUINDI IL TIMING DI QUANDO E’ STATO FISSATO)

E CAMBIA TUTTO:
SOLO CON UNA SETTIMANA DI DIFFERENZA PAGA QUASI IL DOPPIO

Codice Isin DE000CA0FJV1:

fare strike una sola settimana DOPO, ha cambiato tutto lo scenario: i prezzi su Azimut (e Intesa) sono ancora vicini allo strike e paga quasi il doppio del precedente. Questo certificato l’ho eletto come TOP CERTIFICATES AGGRESSIVO per questa estate (FASE “SCEGLI” DEL GB MANTRA). Lo seguiremo anche nei prossimi appuntamenti (FASE “GESTISCI” DEL GB MANTRA).

Come TOP CERTIFICATES INTERMEDIO invece ho scelto:

codice isin DE000CA0FHA9:

è un Domino su Unicredit, Generali, Intesa, Telecom, FCA e Finmeccanica, cioè ha il vantaggio di continuare a pagare buone cedole, anche qualora uno o due titoli scendessero, perché se anche scendessero sotto il trigger cedola, prenderei una cedola ridotta ma pur sempre discreta.

Come Domino (merce abbastanza rara) segnalo anche questo certificato codice isin IT0006742040 emesso da Natixis, che paga un 3.35% trimestrale e ha trigger cedola posto al 75% e barriera a scadenza molto interessante (60%).

Come TOP CERTIFICATES PRUDENTE invece ho scelto un certificato a 2 anni (ventuno mesi per la precisione):

Codice Isin DE000CA0FHG6

emesso da Commerzbank su 4 titoli italiani: Generali (strike 15.67€), Eni (strike 14.432€), Enel (strike 4,955€) e Telecom (strike 0,7592€).

Per il reparto più prudente, sono stato lontano dai bancari, che sono decisamente più volatili per via della loro sensibilità allo spread.

Questo certificato ha la barriera discreta posta al 60% sia sulle cedole che sulla scadenza finale ed esprime un rendimento del 6% annuo (1,5% trimestrale). Oggi 26 giugno quota in lettera 970 e già tra un mese stacca la prima cedola. Questo certificato è sceso a 960 lettera come minor prezzo sulla discesa dei giorni scorsi, dimostrando quanto la struttura sia difensiva. Il prezzo ha tenuto sicuramente di più di altri certificati, perché la barriera è ancora lontana e la scadenza vicina.

Se la scadenza fosse stata per esempio ai soliti 5 anni (per questo ho sottolineato subito la scadenza corta!), sicuramente il ribasso dei prezzi sarebbe stato più accentuato, anche se la barriera è al 60%. Inoltre, comprandolo prima di fine giugno, incasso subito la prima cedola trimestrale dell’1,5%; se invece aspetto i primi di luglio, potrei pagarlo ancora meno, per un rendimento in caso di rimborso anticipato tra 9 mesi del 10% (oltre 13% su base annua) e a scadenza del 9%.

L’unico modo per poterti permettere di passare davanti alle sirene centrato e del tutto invulnerabile ai loro giochetti, è arrivare a capire e a captare con fermezza gli elementi che fanno la differenza e che rendono un prodotto degno di essere acquistato o meno. E in Italia la massima conoscenza ed esperienza, oltre che l’assoluta indipendenza che ci permette di dire sempre quello che pensiamo, la puoi trovare solo in GB Investing.

Registrati al prossimo webinar
di giovedì 28 giugno ore 18

>>> ISCRIVITI ORA <<<

Ne vedremo delle belle!!!

Giovanni Borsi & il Team GB Investing